Prestiti Inpdap per Ristrutturazione Casa

Una casa necessita di una gestione continua, e che sia appena acquistata o di proprietà da tempo ci si trova a doverla ristrutturare. Per le spese più irrisorie è possibile anche provare ad agire senza chiedere finanziamenti, ma per i lavori come ad esempio rifacimento di pareti e tetti spesso ci si deve rivolgere ad una finanziaria.

Per non avere problemi in futuro le cose da fare sono molte, quindi vediamo insieme i vari passaggi che si devono fare per un buon lavoro unito ad un buon affare.

Prima ancora di pensare ad un finanziamento vi consigliamo di fare più preventivi da diversi artigiani per trovare il prezzo più conveniente, e di conseguenza potrete anche chiedere un prestito più leggero e questo porta ad avere meno spese, meno costi e soprattutto anche meno tempo per pagare il debito contratto.

Prestiti Inpdap Ristrutturazione: Quali sono gli interventi contemplati

Prima di chiedere un prestito è anche bene capire quale sia la giusta categoria nella quale si contempla il credito che occorre. Per ristrutturazione vengono riassunti tutti i lavori di muratura e strutturali di ogni immobile. Il cambio dei mobili però è ad esempio una spesa che ha ia sua specifica linea di credito e quindi non viene contemplata anche se si tratta di una spesa che si fa sull’immobile.

Per alcuni prodotti come caldaie, camini e stufe ci sono particolari prestiti direttamente dalla casa produttrice, prima di scegliere tra questi e quelli Inpdap si devono fare due calcoli, i tassi d’interesse e le spese di gestione del credito vanno prese in considerazione.

Valutando tutti i costi si decide in base al finanziamento che ci aiuta a risparmiare e che ci propone una rata meno invasiva per la gestione del credito famigliare.

Documenti da presentare per accedere al finanziamento Inpdap per la ristrutturazione

  • Prima di recarvi a chiedere il prestito dovete trovare tutti i documenti da consegnare per la fase istruttoria.
  • Ricordate che dovete presentare un documento d’identità in corso di validità.
  • Importante portare con se la busta paga o il cedolino della pensione per poter far notare a chi di dovere la reale vostra appartenenza all’istituto di previdenza sociale Inpdap.
  • Per poter presentare domanda di finanziamento di ristrutturazione della casa si deve presentare una documentazione atta a dimostrare che verranno fatti i lavori per la quale si chiede il prestito. ad esempio i preventivi delle aziende che avete deciso di commissionare.

Per alcuni lavori è opportuno anche presentare un documento del comune che concede il permesso a procedere, ma sono casi particolari e fa parte della documentazione aggiuntiva che potrebbe chiedere l’istituto finanziatore.

Prestito Inps ex Inpdap per la Ristrutturazione della Casa: i tempi di attesa e per la richiesta

Per sapere quando partire con i lavori e quando otterrete la liquidità è bene conoscere anche le tempistiche di questi prestiti.
Se si consegna in tempo breve la documentazione si può ridurre il tempo di attesa. Iniziamo con il pensare che in media tutti i finanziamenti hanno un mese circa di tempo per l’erogazione, anche se nella maggior parte dei casi i tempi sono minori.

Anche se i lavori sono già conclusi con le fatture è possibile chiedere del credito tramite l’Inpdap. Si deve seguire lo stesso iter calcolando che si ha tempo al massimo 12 mesi dalla conclusione dei lavori per chiedere, il consiglio che vi diamo è quello di chiedere il prima possibile il credito se già sapete di non poter sostenere queste spese.

Vantaggi di questo tipo di prestiti

Sono molti i vantaggi di questi prestiti rispetto a quelli sul mercato. Per prima cosa dobbiamo dire che l’Inpdap punta a far si che chi chiede un finanziamento possa avere tutti i vantaggi per evitare problemi come ad esempio non dover pagare delle spese molto alte e con tempi non troppo restrittivi, I funzionari dell’istituto cercano di unire il benessere del cliente e la capacità di pagare senza alcun problema.

Anche i tassi d’interesse e le spese di gestione del prestito sono molto più leggere rispetto agli altri del mercato e quindi sono tutti vantaggi economici, quindi per le persone che lavorano nel settore pubblico la scelta di un prestito è davvero molto semplice, è bene infatti rivolgersi ai finanziamenti Inpdap.

Guide INPS INPDAP che potrebbero interessarti

Prestiti INPS per Dipendenti Pubblici e Pensionati I dipendenti pubblici e i pensionati che a loro volta siano stati dipendenti pubblici possono godere della possibilità di richiedere e ottenere, piuttosto facilmente, prestiti a tasso agevolato. Vediamo insieme quali sono, perché sono così convenienti e come ottenerli. Tipologie di offerta prestiti...
Simulazione Prestiti Inpdap 2017 per dipendenti pubblici: come fare? I prestiti Inpdap 2017 sono riservati solamente a determinate categorie di lavoratori che rispettano alcune caratteristiche. Chi non possiede questi criteri viene automaticamente escluso. Per richiederli bisogna essere: -dipendente pubblico iscritto alla Gestione ex Inpdap, anche con contratto ...
Prestiti Inpdap per Insegnanti: tassi e condizioni vantaggiose del Piccolo Prestito NoiPA Docenti e operatori che lavorano nell'ambiente scolastico hanno la possibilità di ottenere dei prestiti Inpdap per insegnanti, pensati specificatamente per tale categoria lavorativa. Dai finanziamenti per l'auto a mutui per ristrutturare casa fino a prestiti personali con tassi e condizioni vanta...
Prestiti con Cessione del Quinto Inpdap e Doppio Quinto 2017: cosa sono e quali sono le differenze? I prestiti con cessione del quinto Inpdap dello stipendio o della pensione costituiscono una specifica forma di finanziamento. Danno la possibilità infatti di ottenere una liquidità aggiuntiva e di pagare il debito con una trattenuta mensile pari a un quinto dello stipendio o della pensione netta...