Prestiti Inpdap a Dipendenti Pubblici e Pensionati per acquistare l’auto

Chi ha la necessità di richiedere un prestito per acquisto auto può ricorrere a prestiti Inpdap, soluzioni vantaggiose e rivolte ai dipendenti statali, pubblici o pensionati Inps. Per poter richiedere i finanziamenti all’ente previdenziale, sostituito dall’Inps dal 1°gennaio 2012, bisogna inoltre avere un contratto a tempo indeterminato, determinato con vincoli o il cedolino della pensione ed essere iscritti alla Gestione unitaria delle prestazioni sociali e creditizie. Anche i dipendenti pubblici e privati con un contratto a tempo determinato possono quindi accedere ai prestiti Indpap, con la limitazione che la durata del prestito non superi quella del proprio contratto di lavoro. Prestiti Inpdap a Dipendenti Pubblici e Pensionati per l’acquisto dell’auto Per ottenere un prestito per acquisto auto rivolgendosi all’Inpdap è possibile optare per due diverse soluzioni: i piccoli prestiti Inpdap o i prestiti pluriennali. Vediamo le principali caratteristiche. Piccoli Prestiti Inpdap Si tratta di prestiti per auto concessi dall’Inps a condizioni agevolate per…

Prestiti Inpdap a Dipendenti Statali e Pensionati: quali sono le banche convenzionate Inpdap

L’ INPS, che dal 2012 comprende INPS, INPDAP ed ENPALS, deve gestire un notevole numero di servizi, quali prestiti e mutui e varie forme di finanziamento. I prestiti INPDAP sono finanziamenti personali erogati dall’ente o da parte di banche o istituti finanziari convenzionati. Nel momento in cui il denaro viene concesso dall’istituto, questo proviene da un proprio fondo di credito alimentato dalla contribuzione dei lavoratori che vi aderiscono. Invece, se la somma viene erogata da enti convenzionati accade in quanto questi hanno stipulato un accordo con l’INPS. Prestiti Inpdap a Dipendenti Statali e Pensionati: le caratteristiche principali Quando si richiedono i prestiti Indpap è necessario tener conto di alcuni aspetti, quali: -la possibilità di ottenere il finanziamento a tassi agevolati; -l’accesso diretto al prestito è garantito solo ai dipendenti pubblici e ai pensionati; -i dipendenti privati hanno un accesso indiretto al finanziamento qualora siano familiari di lavoratori statali; -è necessario essere iscritti al Fondo della Gestione Unitaria delle prestazioni creditizie, e aver maturato un’ anzianità contributiva;…

Cessione del Quinto Inpdap: le domande più frequenti

I dipendenti della pubblica amministrazione hanno la possibilità di richiedere un prestito personale con un tasso di interesse agevolato, senza aver bisogno di un garante e offrendo come unica garanzia il TFR maturato. La soluzione offerta è la cessione del quinto Inpdap. Cessione del Quinto Inpdap: che cos’è La cessione del quinto Inpdap non si differenzia dalla tradizionale cessione del quinto offerta dagli altri istituti di credito. Tuttavia, proprio perché è dedicata ai soli dipendenti, ex dipendenti o pensionati dell’INPS, offre condizioni agevolate. In questo articolo abbiamo raccolto le domande più frequenti su questa tipologia di finanziamento. Vediamole insieme. Chi può richiedere la cessione del quinto INPDAP? La cessione del quinto Inpdap può essere richiesta da tutti i dipendenti, ex dipendenti e pensionati della pubblica amministrazione iscritti alla gestione delle prestazioni creditizie sociali e che durante l’attività lavorativa hanno versato i contributi previdenziali all’Inpdap. Fino a che età è possibile richiedere il prestito? I cittadini…

Modello RED Inps: che cos’è, come funziona e quando va consegnato?

Alcuni pensionati hanno l’obbligo di inviare all’INPS il Modello RED. Se non lo fanno, rischiano di vedersi sospesa l’erogazione della pensione. Capiamo cos’è questo modello e a cosa serve, chi deve inoltrarlo e come farlo pervenire, in tempo utile, all’Ente pensionistico. Modello RED Inps: come funziona? Si tratta di un documento dichiarativo richiesto dall’INPS ai fini della verifica della sussistenza dei requisiti per ricevere le prestazioni pensionistiche collegate al reddito. Con questo modello, l’Ente accerta l’esistenza del diritto alla pensione in base all’ammontare dei redditi del pensionato e del suo nucleo familiare. Si tratta di una comunicazione che i titolari di pensioni collegate al reddito devono inviare con modalità autodichiarativa, poiché l’INPS non inoltra alcuna richiesta in merito ma ne rileva la mancata ricezione. Se il Modello RED non viene inviato, l’Ente può sospendere l’erogazione della prestazione pensionistica sulla base della presunzione di un reddito dell’interessato superiore al limite che…

Prestiti Pensionati Inpdap 2017: tutte le tipologie di prestiti per pensionati

L’INPS, ex INPDAP, eroga diverse tipologie di prestiti per pensionati. Solitamente i finanziamenti avvengono tramite la formula della cessione del quinto della pensione, tuttavia le opzioni messe a disposizione dall’ente previdenziale sono diverse. Vediamole insieme. Prestiti per Pensionati: Piccolo Prestito INPS Tra i prestiti pensionati Inpdap, il Piccolo Prestito è una soluzione molto gettonata, adatta per chi necessita di piccole somme di denaro, infatti è possibile richiedere: -una somma pari al massimo una mensilità netta della pensione, nel caso di un prestito annuale; -una cifra pari a due mensilità nette, nel caso di un prestito biennale; -un importo pari a tre mensilità nette, se si richiede un finanziamento triennale; -una somma fino a quattro volte la propria pensione, con un prestito quadriennale. La durata massima del finanziamento ammonta a 4 anni e per ottenere il denaro il pensionato non deve fornire alcun tipo di motivazione o avere specifici requisiti, eccetto…

Prestiti INPS fino a 90 anni: è possibile?

I prestiti INPS fino a 90 anni sono possibili? Certo che sì. E potrebbero risultare una formula anche molto più conveniente rispetto ai prestiti elargiti ad altre fasce di età, con agevolazioni fiscali che possono risultare sorprendenti. Ecco tutti i segreti di questo particolare sistema, riservato ai pensionati INPS e in grado di garantire netti vantaggi sotto l’aspetto economico-finanziario. La possibilità di richiedere prestiti INPS fino a 90 anni Come già accennato in precedenza, richiedere prestiti INPS fino a 90 anni non è così difficile. Soltanto l’età costituisce un piccolo ostacolo per tutti gli anziani che intendono accedere a tale misura al fine di ottenere una somma di denaro di un certo rilievo. Diverse sono le compagnie che scelgono di fissare il loro limite di accesso ad un credito all’età di 90 anni, ma ce ne sono altre che arrivano anche oltre. L’Istituto Nazionale della Previdenza Sociale regolamenta al meglio…

Prestiti Inps per pensionati 2017: fino a che età possono essere concessi?

I prestiti Inps per pensionati possono essere di varie tipologie e con diverse modalità di erogazione, a seconda della motivazione, dell’importo e del rispetto di alcuni requisiti. Uno di essi riguarda l’età. Infatti l’Inps concede prestiti personali per pensionati fino a 90 anni. Tipologie di erogazione dei prestiti Inps per pensionati Le tipologie di prestiti sono essenzialmente catalogati sotto due categorie: -erogati direttamente dall’Inps, il piccolo prestito o il prestito pluriennale diretto; -concessi indirettamente tramite banche o finanziarie accreditati, come il mutuo garantito o la cessione del quinto. Chi può richiedere il prestito Inps per pensionati? I prestiti Inps possono essere richiesti esclusivamente da pensionati delle amministrazioni pubbliche e statali. Non esistono infatti prestiti Inps per i pensionati derivati dal lavoro privato. I tassi di interesse sono diversi e più vantaggiosi rispetto al mercato tradizionale sia per il mutuo sia per il piccolo prestito. Solitamente non viene richiesta motivazione, a meno…

Prestiti Inpdap per Pensionati o Ape Volontaria? Confronto tra i tassi proposti

Da qualche mese a questa parte si è parlato molto spesso della così detta APE volontaria, ossia la possibilità di ottenere un anticipo pensionistico. Negli ultimi giorni si è aperto un dibattito rispetto alla questione poiché alcuni ritengono che l’APE sia una possibilità molto più conveniente rispetto ai classici prestiti Inpdap per pensionati o alla cessione del quinto. Che cos’è l’APE? L’APE è un progetto sperimentale che permette il pensionamento anticipato ai lavoratori che hanno compiuto 63 anni e ai quali mancano al massimo 3 anni e 7 mesi per raggiungere il pensionamento di vecchiaia. Potranno  aderire, fino al 31 dicembre 2018: i dipendenti pubblici, privati e gli autonomi assicurati presso la gestione separata Inps e le gestioni speciali. L’Ape può essere Social, nel caso in cui il lavoratore necessiti di  una specifica tutela o volontario quando è il lavoratore a richiedere l’anticipo del pensionamento. In quest’ultimo caso,  il fruitore del progetto dovrà rimborsare il…

Cessione del Quinto Inps: prestiti per dipendenti pubblici e pensionati

Prestiti per disoccupati senza garante

La cessione del quinto Inps è una particolare tipologia di prestito, erogata da un istituto di credito convenzionato con l’ente previdenziale e rimborsata attraverso un addebito automatico effettuato sulla busta paga o la pensione. Il finanziamento può essere concesso a dipendenti pubblici e privati e a pensionati. Vediamo le proposte più interessanti offerte dalle banche convenzionale con l’Inps, ex Inpdap. Cessione del Quinto Inps con Compass La cessione del quinto dello stipendio o della pensione con Compass si rivolge ai dipendenti pubblici e privati e ai pensionati. I vantaggi garantiti sono i seguenti: non è necessario disporre di un garante poiché il finanziamento è garantito dallo stipendio o dalla pensione; la rata mensile non può superare un quinto, ossia il 20%, dello stipendio o della pensione; il piano di ammortamento può durare massimo 10 anni; il rimborso avviene in busta paga o sul cedolino della pensione; è possibile richiedere un anticipo; non sono previste spese di intermediazione….

Pensioni Inpdap 2017: l’Ape sociale e volontaria

Pensioni Inpdap 2017: le ultime novità sull’APE Volontaria I pensionati inpdap che possono usufruire dell’APE volontaria, ossia l’anticipo pensionistico, sono sempre meno. Infatti la banca che eroga il prestito può respingere la richiesta. In particolare, l’APE potrà essere negata ai protestati, agli iscritti negli elenchi dei cattivi pagatori, a chi ha in atto prestiti il cui importo, assieme all’APE, supera il 30% della pensione. Che cos’è l’APE volontaria L’ape volontaria consiste in un prestito erogato ogni mese da una banca, esente da tassazione, che l’interessato può scegliere di percepire per un determinato periodo. Tale periodo è precedente alla maturazione dei requisiti previsti per la pensione di vecchiaia e non può superare i 3 anni e 7 mesi. Il finanziamento va restituito nell’arco di 20 anni, con rate di ammortamento mensili, trattenute sulle pensioni Inpdap 2017. Il TAEG del prestito è pari al 2,75%. E’ necessario stipulare una polizza assicurativa obbligatoria per coprire il rischio di impossibilità nella restituzione…