Come Richiedere i Prestiti Pluriennali Inpdap

Le risposte alle tue domande su prestiti pluriennali Inps 2018 ex Inpdap. Regolamento, tempi di erogazione, simulazione.

I prestiti pluriennali inpdap sono somme di denaro che i dipendenti e pensionati pubblici iscritti alla Gestione Pubblica possono richiedere per affrontare precise esigenze personali o familiari.
Per richiedere tali somme, tali necessità dovranno rientrare tra i casi previsti dal regolamento in materia qui illustrato più avanti e dovranno essere documentate. Clicca qui per maggiori informazioni:
https://www.inps.it/docallegatiNP//Mig/Allegati/478Regolamento_prestiti_2011.pdf

I prestiti pluriennali fanno riferimento come da regolamento suddetto solo a importi erogabili per un periodo di 5 anni o per 10 anni.

Regolamento prestiti pluriennali INPDAP 2018

Possono richiedere prestiti Inps pluriennali gli iscritti ai seguenti Fondi:

  • Dipendenti pubblici iscritti alla Gestione Unitaria delle prestazioni creditizie e sociali (Fondo Credito);
  • Pensionati Pubblici iscritti al suddetto medesimo Fondo;
  • Dipendenti in servizio di Poste Italiane Spa e Società a essa collegate (Fondo Poste)

L’importo massimo erogabile è variabile sulla base della necessità o del bisogni che intercorrono le esigenze immediate o le urgenze del richiedente. Col nuovo regolamento si può richiedere un prestito pluriennale anche per l’acquisto della prima casa di un figlio maggiorenne che intende costituire un nucleo familiare a sé stante.

L’importo massimo erogabile non potrà eccedere le spese sostenute (per le necessità o l’evento per cui ha fatto domanda il richiedente) entro un anno.

La rata mensile trattenuta sarà pari e non andrà oltre il quinto cedibile dello stipendio o della pensione. Il prestito può essere estinto anticipatamente versando la quota di debito residuo.

 

Tempi di erogazione

La durata può essere di 5 anni ed essere restituito in 60 rate mensili oppure può durare 10 anni e restituito in 120 rate. Le trattenute iniziano a partire dal secondo mese della concessione del prestito.

Il rinnovo è possibile solo dopo 2 anni in caso di prestito quinquennale o 4 anni in caso di prestito decennale e comunque in fase di ammortamento in corso.

E’ possibile chiedere un altro prestito decennale entro 2 anni solo per coloro che hanno richiesto un prestito quinquennale e comunque mai un prestito decennale in precedenza.

Al termine o durante il periodo di ammortamento secondo il rispetto  delle condizioni sopra specificate, è possibile un prestito ulteriore qualora si ripresenti la necessità medesima per il richiedente

In caso di cessione anticipata (entro 2 anni per i prestiti quinquennali ed entro 4 anni per i prestiti decennali) il rinnovo può essere richiesto a partire da un anno dall’estinzione del precedente debito.

 

Simulazione prestiti inpdap pluriennali

Tasso di interesse nominale previsto 3,5%. Aliquota spese amministrazione 0,50%.

Aliquota fondo rischi da 0,96% a 2,28%; da 1,92% a 22,39% per tipo di durata prestito, classi di età e classi di età alla scadenza.

Queste ultime due quote saranno trattenute nel momento in cui sarà erogato il prestito pluriennale.

Calcola il tuo prestito. Per la simulazione dimostrativa clicca qui:

https://serviziweb2.inps.it/EISERVIZIWEB/simulazioni/simulazioni.jsp?app=HomePage

 

I Requisiti

  • Iscrizione Gestione Unitaria delle prestazioni creditizie e sociali (Fondo Credito)
  • Contratto a tempo indeterminato
  • 4 anni di anzianità di servizio ai fini del pensionamento
  • 4 anni di contributi versati alla suddetta gestione

Per coloro che hanno un contratto a tempo determinato:

  • il debito dovrà essere estinto entro il periodo del contratto
  • il TFR dovrà essere ceduto come garanzia della restituzione del prestito

 

Domande web

La domanda va fatta entro un anno dall’evento per cui si richiede il prestito e dalla relativa documentazione di spesa.

Bisogna allegare la documentazione del bisogno e della spesa prevista da sostenere, certificato medico rilasciato entro 45 giorni prima della richiesta di prestito da un medico dell’ ASL o dell’amministrazione del fondo di pertinenza del richiedente.

La domanda va fatta online. Va presentata all’amministrazione di competenza. I pensionati presentano la domanda in via telematica con il proprio codice Pin del Fondo Credito.

Guide INPS INPDAP che potrebbero interessarti

Prestiti Inpdap 2017: come trovare online il finanziamento più vantaggioso La richiesta di un prestito per poter soddisfare le proprie esigenze è una pratica che si sta diffondendo moltissimo in Italia. Tutto ciò è dovuto principalmente alla crisi che non permette alle persone di poter affrontare un determinato tipo di spesa. Per questo motivo molti dipendenti pubblici pre...
Prestiti per Aziende: guida utile per i finanziamenti alle PMI e alle startup Nonostante la crisi economica, i cittadini che decidono di avviare una start-up o di continuare a portare avanti la propria attività, pur avendo delle difficoltà, sono diverse. Spesso per investire e fare crescere la propria azienda è necessario richiedere i prestiti per imprese, pensati per chi ha ...
Come calcolare la rata dei prestiti e dei mutui Inpdap 2017? Gli impiegati pubblici (dipendenti di enti locali, insegnanti, appartenenti a forze armate o di polizia, etc) oppure i pensionati che hanno prestato il loro servizio nel settore pubblico, possono accedere ai finanziamenti agevolati INPS. Ma com'è possibile valutarne la reale convenienza? Il sito ...
Prestiti INPS fino a 90 anni: è possibile? I prestiti INPS fino a 90 anni sono possibili? Certo che sì. E potrebbero risultare una formula anche molto più conveniente rispetto ai prestiti elargiti ad altre fasce di età, con agevolazioni fiscali che possono risultare sorprendenti. Ecco tutti i segreti di questo particolare sistema, riserva...