Come Richiedere i Prestiti Pluriennali Inpdap

Le risposte alle tue domande su prestiti pluriennali Inps 2018 ex Inpdap. Regolamento, tempi di erogazione, simulazione.

I prestiti pluriennali inpdap sono somme di denaro che i dipendenti e pensionati pubblici iscritti alla Gestione Pubblica possono richiedere per affrontare precise esigenze personali o familiari.
Per richiedere tali somme, tali necessità dovranno rientrare tra i casi previsti dal regolamento in materia qui illustrato più avanti e dovranno essere documentate. Clicca qui per maggiori informazioni:
https://www.inps.it/docallegatiNP//Mig/Allegati/478Regolamento_prestiti_2011.pdf

I prestiti pluriennali fanno riferimento come da regolamento suddetto solo a importi erogabili per un periodo di 5 anni o per 10 anni.

Regolamento prestiti pluriennali INPDAP 2018

Possono richiedere prestiti Inps pluriennali gli iscritti ai seguenti Fondi:

  • Dipendenti pubblici iscritti alla Gestione Unitaria delle prestazioni creditizie e sociali (Fondo Credito);
  • Pensionati Pubblici iscritti al suddetto medesimo Fondo;
  • Dipendenti in servizio di Poste Italiane Spa e Società a essa collegate (Fondo Poste)

L’importo massimo erogabile è variabile sulla base della necessità o del bisogni che intercorrono le esigenze immediate o le urgenze del richiedente. Col nuovo regolamento si può richiedere un prestito pluriennale anche per l’acquisto della prima casa di un figlio maggiorenne che intende costituire un nucleo familiare a sé stante.

L’importo massimo erogabile non potrà eccedere le spese sostenute (per le necessità o l’evento per cui ha fatto domanda il richiedente) entro un anno.

La rata mensile trattenuta sarà pari e non andrà oltre il quinto cedibile dello stipendio o della pensione. Il prestito può essere estinto anticipatamente versando la quota di debito residuo.

 

Tempi di erogazione

La durata può essere di 5 anni ed essere restituito in 60 rate mensili oppure può durare 10 anni e restituito in 120 rate. Le trattenute iniziano a partire dal secondo mese della concessione del prestito.

Il rinnovo è possibile solo dopo 2 anni in caso di prestito quinquennale o 4 anni in caso di prestito decennale e comunque in fase di ammortamento in corso.

E’ possibile chiedere un altro prestito decennale entro 2 anni solo per coloro che hanno richiesto un prestito quinquennale e comunque mai un prestito decennale in precedenza.

Al termine o durante il periodo di ammortamento secondo il rispetto  delle condizioni sopra specificate, è possibile un prestito ulteriore qualora si ripresenti la necessità medesima per il richiedente

In caso di cessione anticipata (entro 2 anni per i prestiti quinquennali ed entro 4 anni per i prestiti decennali) il rinnovo può essere richiesto a partire da un anno dall’estinzione del precedente debito.

 

Simulazione prestiti inpdap pluriennali

Tasso di interesse nominale previsto 3,5%. Aliquota spese amministrazione 0,50%.

Aliquota fondo rischi da 0,96% a 2,28%; da 1,92% a 22,39% per tipo di durata prestito, classi di età e classi di età alla scadenza.

Queste ultime due quote saranno trattenute nel momento in cui sarà erogato il prestito pluriennale.

Calcola il tuo prestito. Per la simulazione dimostrativa clicca qui:

https://serviziweb2.inps.it/EISERVIZIWEB/simulazioni/simulazioni.jsp?app=HomePage

 

I Requisiti

  • Iscrizione Gestione Unitaria delle prestazioni creditizie e sociali (Fondo Credito)
  • Contratto a tempo indeterminato
  • 4 anni di anzianità di servizio ai fini del pensionamento
  • 4 anni di contributi versati alla suddetta gestione

Per coloro che hanno un contratto a tempo determinato:

  • il debito dovrà essere estinto entro il periodo del contratto
  • il TFR dovrà essere ceduto come garanzia della restituzione del prestito

 

Domande web

La domanda va fatta entro un anno dall’evento per cui si richiede il prestito e dalla relativa documentazione di spesa.

Bisogna allegare la documentazione del bisogno e della spesa prevista da sostenere, certificato medico rilasciato entro 45 giorni prima della richiesta di prestito da un medico dell’ ASL o dell’amministrazione del fondo di pertinenza del richiedente.

La domanda va fatta online. Va presentata all’amministrazione di competenza. I pensionati presentano la domanda in via telematica con il proprio codice Pin del Fondo Credito.

Guide INPS INPDAP che potrebbero interessarti

Prestiti Inpdap per Insegnanti: tassi e condizioni vantaggiose del Piccolo Prestito NoiPA Docenti e operatori che lavorano nell'ambiente scolastico hanno la possibilità di ottenere dei prestiti Inpdap per insegnanti, pensati specificatamente per tale categoria lavorativa. Dai finanziamenti per l'auto a mutui per ristrutturare casa fino a prestiti personali con tassi e condizioni vanta...
Mutui Inpdap Dipendenti Pubblici 2017: tassi, requisiti e modalità I dipendenti pubblici e statali iscritti al Fondo Credito possono richiedere i mutui agevolati Inpdap 2017 per l’acquisto della prima casa. Si tratta di mutui ipotecari edilizi concessi a condizioni particolarmente vantaggiose, come tassi d’interesse inferiori alle medie di mercato e sconti su costi...
Prestiti Inpdap per Pensionati o Ape Volontaria? Confronto tra i tassi proposti Da qualche mese a questa parte si è parlato molto spesso della così detta APE volontaria, ossia la possibilità di ottenere un anticipo pensionistico. Negli ultimi giorni si è aperto un dibattito rispetto alla questione poiché alcuni ritengono che l'APE sia una possibilità molto più conveniente r...
Prestiti Inpdap per Studio Figli Una delle più grandi soddisfazioni per un genitore è senza ombra di dubbio quella di sapere che suo figlio potrà frequentare tutti gli studi che vuole. Veder crescere il proprio figlio è sempre un'emozione unica, e si cerca sempre di dargli il meglio, ma molte volte non è possibile per problemi econ...